A TAVOLA CON LA FAMIGLIA BOSCOLO

Venerdì 7 Febbraio la nostra Confraternita è entrata nel tempio del baccalà alla vicentina.

Il Ceppo ci ha aperto le porte, prima del laboratorio gastronomico di Cavazzale e poi della gastronomia e del bistrot in corso Palladio a Vicenza. Accompagnati dal sig. Osvaldo Boscolo e dai suoi figli abbiamo vissuto una piacevolissima serata.

Riccardo ci ha fatto navigare nei mari del nord della Norvegia tra merluzzi, halibut e balene. Ci ha raccontato come viene pescato, lavorato, essiccato, classificato il merluzzo, che diventa stoccafisso e infine baccalà. Un numero non dimenticheremo nel ricordare la visita al laboratorio: 50 tonnellate di produzione annua di baccalà !

Ivana, Maria Giovanna, la sommelier Eva e lo chef Luca ci hanno accolto al nostro arrivo in gastronomia con calore e professionalità. Poi ci hanno deliziato il palato con ottimo cibo e vino, abbinati con esperienza ma anche con voglia di sperimentare. Il risotto con zucca violina, sugo di guancia e tartufo nero del Lazio è un piatto che speriamo di ritornare a gustare. Non poteva poi mancare sua maestà il baccalà alla vicentina !

E infine il sig. Osvaldo, che è stato il nostro angelo custode durante tutto il tempo trascorso insieme e che da 48 anni mette in ammollo lo stoccafisso. Un attimo prima che arrivassimo in gastronomia, ci ha preceduti per cambiarsi gli abiti da lavoro, infilarsi giacca e cravatta ed essere così pronto per cenare con noi.

 

Il nome de Il Ceppo è stato scelto dal sig. Osvaldo pensando alla soca, qualcosa di saldo su cui costruire la sua attività di casolin. Possiamo dire che è stato un nome indovinato. Ci rimane infatti il ricordo di una bellissima serata, di una famiglia appassionata del suo lavoro e di un’azienda custode delle tradizioni locali. Ci siamo così lasciati coinvolgere, tanto che nei due giorni successivi alla visita ci sembra di sentire ancora il forte odore dello stoccafisso..

Pier Paolo Galbusera

A TAVOLA CON LA FAMIGLIA BOSCOLO ultima modifica: 2020-02-08T19:06:59+00:00 da confraternita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *